Apriamo il ciclo di dibattiti del gruppo cineforum!

LINK GRUPPO –> https://www.facebook.com/groups/738429650023658/
Per avviare questo progetto di condivisione si è pensato di partire con un film che analizza le assurde metodiche di vita attuali, che mettono in risalto il fallimento del sistema capitalistico. Uno spunto per dibattere sui tanti aspetti che dobbiamo mutare del nostro vivere oggi sul pianeta, a partire dal modo con cui ci relazioniamo e interagiamo con tutti gli esseri viventi.
Qui il link per vederlo gratuitamente –> https://www.dailymotion.com/video/x6t2j37
***Chiediamo a tutti/e di lasciare un commento dopo la visione, uno spunto di riflessione, un’analisi. E’ uno dei modi che abbiamo elaborato per continuare a costruire libera cultura collettiva in periodo di quarantena.***
***Il commento lo potete lasciare direttamente sotto questo post per avere un’unica bacheca di discussione del singolo film***
***Il pianeta verde (La Belle Verte) è un film del 1996 diretto da Coline Serreau.***
Il Pianeta Verde è un pianeta lontano e sconosciuto ai terrestri, dove le persone che lo abitano vivono la loro esistenza in armonia con sé stessi e con la natura. Anche gli abitanti di questo pianeta sono passati per l’era industriale (nel film è definita preistoria), ma dopo averne saggiato la decadenza, hanno preferito abbattere gerarchie, industrie, sopprimere la moneta e tutto ciò che rappresentava l’epoca dello sfruttamento.
Come ogni anno, sul pianeta viene convocata un’assemblea plenaria, l’ordine del giorno è inviare qualcuno sulla Terra per controllare a che punto sia arrivato il processo evolutivo. I racconti dei più anziani, sul pianeta si vive ben oltre i 250 anni, parlano dell’era napoleonica, caratterizzata da guerre e da manie espansionistiche e nessuno sembra volersi offrire volontario per la spedizione sul pianeta azzurro.
Mila si offre volontaria per il viaggio, portando con sé il segreto delle sue origini: sua madre era una terrestre. Calata nella Parigi di metà anni novanta, Mila si ritrova disorientata a causa delle indicazioni che gli anziani le hanno dato prima di partire: vestita con abiti stile “Impero”, dà vita ad una serie di primi, comici, approcci con il popolo parigino. Scopre che la moneta viene ancora utilizzata e che la loro vita è basata sul consumismo. Assaggia l’acqua e il cibo del luogo, ma sono nocivi per lei poiché in città queste fonti di sostentamento sono rispettivamente inquinate e insalubri. Inoltre riconosce alcuni abitanti del pianeta verde approdati e morti sulla Terra (Gesù e Bach). Dopo avere scambiato i suoi abiti con un’altra donna, scopre dove sono tenuti i neonati che le permettono di “ricaricarsi”. Nell’Hôpital Cochin di Parigi, si ricarica attraverso un neonato e incontra Max (Vincent Lindon), primario del reparto che lei sconnette, con cui intrattiene un rapporto mutuale. Il neonato, abbandonato dai genitori, viene adottato dall’infermiera Masha e sua sorella Sonia; egli viene ribattezzato con il nome di Teodoro. Max, sconnesso, permette a Mila di vivere nel suo appartamento e qui scopre che il medico ha una vita matrimoniale infelice. Mila risolve così la sua vita coniugale e ristabilisce la comunicazione in famiglia, buttando la televisione in strada.
I figli di Mila, Mesaje e Mesaul, provano a raggiungerla dal pianeta verde, ma sono finiti per errore nel deserto australiano dove entrano in contatto con gli aborigeni. Essi si rivelano ospitali come gli abitanti del Pianeta Verde. Con la sconnessione di lavoratori dell’aeroporto, i due ragazzi riescono ad ottenere un biglietto aereo e a raggiungere la madre a Parigi. Spiegata la storia della propria civiltà, salutano Max e la sua famiglia e gli abitanti del Pianeta Verde tornano a casa, portando con sé Masha e Sonia.
This entry was posted in Biblioteca "Fahrenheit 451", Eventi, General, Spazio Libertario Stella Nera. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *